Home Da applaudire Accademia Ucraina di Balletto: la danza oltre la guerra

Accademia Ucraina di Balletto: la danza oltre la guerra

ACCADEMIA UCRAINA DI BALLETTO – LA DANZA OLTRE LA GUERRA
Gli allievi dell’Accademia Ucraina di Balletto ritornano al Teatro Arcimboldi di Milano il 30 aprile e il primo maggio prossimi con due spettacoli: “La Bella Addormentata” e “Coppelia”.

Accademia Ucraina di Balletto: la danza oltre la guerra

Con questi allestimenti l’accademia intende confermare la volontà di non fermarsi e continuare a preparare gli allievi per il debutto. È fermo intendimento dell’accademia in questo periodo di crisi internazionale essere messaggeri di pace e dei valori dell’arte che vanno oltre ogni cosa. In questi momenti difficili l’accademia rimane comunque in contatto con l’omonima di Kiev tramite la sua Direttrice Alvina Kalchenko.

Grafica Divina

Ti piacerebbe raccontare in una intervista chi sei e cosa fai?
Diventa protagonista con il nostro Format!

L’Accademia Ucraina di Balletto vuole quindi essere in questo momento più che mai l’emblema dell’amicizia tra i popoli proponendo la danza come veicolo e la sua costituzione come esempio. Questo si realizza grazie alla presenza di insegnanti russi, ucraini, ma anche moldavi bielorussi e italiani; insegnanti di diversa nazionalità che fanno dell’Accademia un simbolo di pace. Quindi l’Accademia come simbolo di pace e di amicizia attraverso l’arte.
Dice l’insegnante russa Oskana Belyaeva: “Sono vicina con il cuore al popolo ucraino e stringo le mani a preghiera per fare sentire loro che noi ci siamo”.

La preparazione degli allievi, come detto continua e l’appuntamento a teatro sarà per sabato 30 aprile alle ore 21 e domenica 1 maggio alle ore 16 per “La Bella Addormentata” che verrà presentata nella sua versione classica; quella più famosa. Negli stessi giorni, sabato (30/4) alle ore 16 e domenica (1/5) alle ore 11 il sipario si alzerà per “Coppelia” con i giovani danzatori dell’Accademia.

In questo contesto l’Accademia prosegue il suo instancabile lavoro anche se ciò può sembrare frivolo, ma l’obiettivo più importante che l’Accademia si è prefissa attraverso l’espressione artistica, qualunque essa sia, è quello di sensibilizzare le generazioni attuali e future, le diverse popolazioni, ad una maggiore coesione, a più tolleranza e una inesauribile voglia di pace.
Per essere messaggeri di pace e del valore dell’arte che va al di là di ogni cosa, l’Accademia non si ferma e continua a preparare i suoi allievi.

Articolo di: Ugo Negrini

dasapere da leggere
Articolo precedenteTiziano Ferro è diventato papà
Articolo successivoRESET! Bassanese & La Piccola Orchestra Popolare
Collaboratrice di numerosissime testate, tra cui Topolino e Corriere dei Piccoli, è stata direttrice responsabile di piccole testate e autrice di tre biografie (Julio Iglesias, Adriano Celentano e Nazionale Italiana Cantanti); traduttrice dal giapponese delle poesie di Murasaki Shikibu (973/1014) e Izumi Shikibu (976/1033). Ama la moda, l’enogastronomia, lo spettacolo, il design, i viaggi, la medicina e la cultura ebraica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.