Home Da ascoltare “Pop, Rock, Jazz… e non solo” Azul ⴰⵣⵓⵍ

“Pop, Rock, Jazz… e non solo” Azul ⴰⵣⵓⵍ

Azul ⴰⵣⵓⵍ
Azul
(Extended Play – Apogeo Records / Egea)

“Azul”, in italiano, significa “blu”; ben più complesso di questo termine spagnolo è invece l’altra metà, del nome di questo complesso napoletano tra world music e influenze folk-jazzate, un termine berbero in caratteri berberi che -traslitterato- suona come “Tamazight” (sperando d’averlo capito bene), significa “Vieni verso il mio cuore” e mentre il blu di “Azul” crediamo rappresenti la tinta solare ed elegante della musica della band, questo “ⴰⵣⵓⵍ” sta a confermarne la scelta di puntare sul valore della contaminazione, un concetto da applicare in modo sano e positivo dentro ed oltre la musica.

Grafica Divina

Però a questo punto ci scuseranno e gli Azul ⴰⵣⵓⵍ e il loro carissimo ufficio stampa, ma non scriveremo di continuo il nome del complesso anche in berbero: pure onde evitare che la nostra direttrice ci mandi lettere di biasimo… Basti Azul, e così sia.


Tanto c’è da dire a sufficienza pure senza caratteri berberi, di questo bel debutto: fatto di sei inediti un po’ in spagnolo, un po’ in portoghese, un po’ in italiano e un po’ nella bellissima lingua partenopea (in bella sostanza dunque in una sorta d’esperanto mediterraneo) che rivelano anzitutto bel suono, personale, corposo, ricco di spunti e riferimenti espressivi; indi qualità strumentali e vocali ben messe in primo piano senza esasperazioni; infine, specie negli episodi più riusciti, un primo tentativo d’un world songwriting che però oltre che possedere potenzialità già palesi è sin d’ora capace di buoni esiti compiuti.

I brani cardine dell’EP degli Azul, quelli a nostro avviso più validi, sono “Cruces” e “La locura”. “Cruces”, in napoletano, possiede una poeticità sfiziosa e sensuale, e la esprime su una densa tavolozza sonora d’autore da cui spicca la sfumatura d’un folk alto. “La locura” invece ha afflato flamenco e però lo sviluppa verso un elettropop molto stuzzicante senza disdegnare piccoli svisi jazzati: una pagina grintosa, vivacissima, anch’essa originale.

Il merito d’un linguaggio già di livello al debutto è di tutti gli Azul, ovviamente: quindi anche del notevole lavoro strumentale di Dario Di Pietro (chitarre-bassi-synt), Enrico Valanzuolo (tromba) e Ricccardo Schmitt (batteria-percussioni). Però il  maggior merito d’una scrittura omogenea e di spessore è della cantante e chitarrista Marilena Vitale, poiché i pezzi sono tutti suoi: puro cantautorato al femminile moderno e intrigante, che nelle mani della band assume le sfumature d’arcobaleni coloristici più ampi.

Anche gli altri quattro brani del CD/EP, sono di bella profondità autorale: molto “vero” e ammaliante “Multiverso”, che tanto deve anche alla voce pura e ruvida della stessa Vitale, originalissimo e d’intimismo soffuso “Luz de lucha”, intrigante e ritmicamente profonda la tesa “Contestas”, che mette in luce chitarre e tromba. L’ultimo pezzo della scaletta, “Carrer Sant Rafael”, è infine una sorta di biglietto da visita poetico-musicale il cui intenso testo su contaminazione e dialogo diviene incisivo -ma delicato- folk d’autore, spruzzato qua e là di eco di varia provenienza.

A rimarcare un bel debutto, davvero, in attesa d’un album più ampio che confermi quanto già “Azul” -con o senza caratteri berberi- sa portare all’attenzione e all’ascolto.

Articolo di: Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare, “Cruces”:
https://www.youtube.com/watch?v=GxDqgb_71wE

Articolo precedenteLibrerie coraggiose come Lettera 22 a Viareggio
Articolo successivoPacifico: online il lyric video di “Molecole”
Andrea Pedrinelli
Critico musicale e teatrale, è giornalista dal 1991 e attualmente collabora con Avvenire, Musica Jazz, Scarp de’ tenis, Vinile. Crea format tv e d’incontro-spettacolo, conduce serate culturali, a livello editoriale ha scritto importanti saggi fra cui quelli su Enzo Jannacci, Giorgio Gaber (di cui è il massimo studioso esistente), Claudio Baglioni, Ron, Renato Zero, Vasco Rossi, Susanna Parigi. Ha collaborato con i Pooh, Ezio Bosso, Roberto Cacciapaglia e di recente ha edito anche Canzoni da leggere, da una sua rubrica di prima pagina su Avvenire dedicata alla storia della canzone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.