Home Da leggere “Esperienza della malattia e spiritualità” in libreria

“Esperienza della malattia e spiritualità” in libreria

“Esperienza della malattia e spiritualità” in libreria, a cura di Gianpaolo Donzelli per La nave di Teseo.
Andrea Bellandi, Padre Guidalberto Bormolini, Raffaello Longo, Marta Conti Forti, Raffaele Volpe, Ioan Coman, Fabio Marella, Benedetta Fantugini, Tommaso Casini, Alberto Zanobini, Hamdan Al Zeqri.
La nave di Teseo in collaborazione con Fondazione Meyer, collana La cura.
Curare non può essere compito esclusivo della scienza, ma deve dipendere anche dalla mobilitazione delle risorse interiori della persona, anzi delle persone: di chi cura e di chi riceve cure.

“Esperienza della malattia e spiritualità” in libreria

“Nella collana ‘La cura’, le scienze medico-biologiche, umanistiche, letterarie e visive si integrano per creare una nuova cultura per i pazienti, i professionisti e i cittadini. L’obiettivo è promuovere i diritti fondamentali della persona malata o in condizioni di fragilità e diffondere una visione globale della medicina, e di altre scienze della cura a essa integrate, che tenga conto anche dei bisogni psico-emozionali e spirituali, considerati parte inscindibile dell’intero percorso di cura e valori fondamentali del vivere sociale.” Gianpaolo Donzelli.

Grafica Divina

Ti piacerebbe raccontare in una intervista chi sei e cosa fai?
Dai un’occhiata al nostro Format!

Questo libro nasce da un incontro e da un invito alla riflessione rivolto a diverse personalità della cultura e della sanità che si interessano al tema della spiritualità. Un incontro celebrato per condividere pienamente e nuovamente lo Spazio dello Spirito, uno spazio che, all’interno dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, rappresenta tanto un luogo reale, come lo sono sofferenze e dolore, gratitudine e gioia, quanto un luogo simbolico, come gli spazi condivisi e aperti che raccolgono i piccoli malati e le loro famiglie. È in questo spazio che ci si confronta con il dramma della morte, soprattutto quando essa è prematura, inaspettata, “ingiusta”. E l’augurio è che esso diventi il luogo per tutti coloro che si prendono cura della sofferenza dell’altro.

In queste pagine molte voci raccontano, da diversi punti di vista, l’esperienza umanissima del passaggio di fine vita, della ricerca di senso sospinti dalla speranza e dalla spiritualità. Un libro plurale, dove si intrecciano culture e riferimenti, citazioni letterarie e filosofiche, testi sacri e poesia: in cui ogni vita si confronta con l’ineffabile.

In questo spazio, possiamo inoltre muoverci, credo, per ritrovarci e ritrovare conforto, per riconoscerci e immaginare una strada possibile lungo un ponte di speranza, lanciato verso l’infinito, di cui non possiamo vedere la fine.

Gianpaolo Donzelli, è professore ordinario di Pediatria e dottore di ricerca in Neonatologia all’Università degli Studi di Firenze. È presidente della Fondazione Meyer.
È membro del Comitato Nazionale per la Bioetica e del consiglio di amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. È stato presidente della Società Italiana di Medicina Perinatale. Ha pubblicato otto volumi scientifici su tematiche medico-biologiche e psicologiche e 512 articoli su riviste internazionali e nazionali.
È opinionista di “la Repubblica”. Ha pubblicato la raccolta di poesie Stupore della nascita (2012), adottato dalla Harvard Medical School di Boston, e partecipato al film Vaccini. 9 lezioni di scienza (2019, diretto da Elisabetta Sgarbi). È curatore della collana di libri “La cura”.

dasapere da leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.