Home Da ascoltare “Pop, Rock, Jazz… e non solo” Chiara Raggi “La natura e la...

“Pop, Rock, Jazz… e non solo” Chiara Raggi “La natura e la pazienza”

Ospite della rubrica curata da Andrea Pedrinelli “Pop, Rock, Jazz… e non solo”
Chiara Raggi
“La natura e la pazienza” (Musica di seta)

Una nuova etichetta discografica

Ci voleva, un’etichetta rivolta esplicitamente alla musica d’autrice, a quel femminile nella canzone d’autore che da diversi anni -almeno secondo chi scrive- è molto più interessante ed “avanti” di qualunque altra faccenda della nostra canzone. E la neonata Musica di seta punta proprio a produrre cantautrici, affiancando all’etichetta un magazine online e la creazione di vari eventi.

Grafica Divina

Chiara Raggi “La natura e la pazienza”

Prima proposta di Musica di seta è l’ottima Chiara Raggi, riminese, che su CD e libretto in carta riciclata al 100% (marchio di Musica di seta) realizza “La natura e la pazienza”, il suo quarto album inciso in presa diretta come dal vivo, con un quartetto elettrico e l’Orchestra da Camera di Rimini.

La Natura e la pazienza

Artista di classe, profondità e soprattutto bella personalità -anche vocale, nonché compositivamente capace di spaziare fra più generi-, Chiara Raggi medita nel CD sulla natura umana e sul concetto (oggi sin troppo necessario, ma comunque eticamente forte) dell’attesa; in un lavoro magnifico per scrittura, arrangiamenti e sviluppi, nel quale una voce intensa e compresa è valorizzata da una scrittura musicale solida, colta, stratificata, elegante, e da testi fantasiosi come acuti.

I pezzi

La natura e la pazienza regala emozioni e pensieri, con maturità sorridente d’autrice, iniziando dal singolo “Mosaico” che rilancia il valore della condivisione contro gli egoismi con gusto d’entertainment alto, lievemente jazz, e non senza apprezzabile misura. “Horizon”, canzone di sprone a vivere davvero, è un passaggio di pop nobile con groove fascinoso, qualità melodica e liriche di adulta originalità al femminile; mentre “Naturale” (sulle maschere, ispirato a Cesare Pavese) è di intelligenza nervosa e lievità colta, ancora una volta ben supportate da una magnifica orchestrazione e da liriche molto belle.

Ma in generale è tutto La natura e la pazienza che convince, dal canto d’amore intelligente e originale fra jazz ed elettronica di “Ripensamenti coscienti” (brano che dalla voce pretende -e riceve- molto), alla delicatezza assorta e intimista di “Mi ritroverai”, che avvolge ed emoziona con parole alte e poetiche. Gran pezzo poi l’autobiografica “Navigo a vista”, fiera, arguta, a tratti teneramente indifesa, con sviluppi musicali frizzanti anche capaci di guardare al rock. E notevole è pure “Vedrai” (in cui Chiara si fa notare anche da chitarrista) che è un easy listening adulto, solare, vagamente sudamericano, insieme brioso e profondo sull’incanto dell’innamorarsi.

In scaletta Chiara Raggi aggiunge infine una rilettura d’un suo brano del 2017 sul dolore, “Lacrimometro”, sapido e ironico, rivisto con intelligente swing, e l’unico pezzo in cui agisce da interprete, “Eterico libero”, sul rapporto con la madre: un brano che la rilancia oltre che come eccellente autrice pure come valida voce, capace di matura tensione, lampi di classe e pennellate assorte.

Articolo di: Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare: “Navigo a vista”
https://www.youtube.com/watch?v=QRfgSFdcE10

Vuoi farti conoscere?
Puoi compilare il nostro Format oppure scrivere alla nostra redazione per scoprire cosa possiamo fare insieme! redazione@dasapere.it

Articolo precedente“Un piccolo grande cuore”: le poesie di Delia Predut
Articolo successivoIl bio scrub purificante gentile che arriva dal mare
Andrea Pedrinelli
Critico musicale e teatrale, è giornalista dal 1991 e attualmente collabora con Avvenire, Musica Jazz, Scarp de’ tenis, Vinile. Crea format tv e d’incontro-spettacolo, conduce serate culturali, a livello editoriale ha scritto importanti saggi fra cui quelli su Enzo Jannacci, Giorgio Gaber (di cui è il massimo studioso esistente), Claudio Baglioni, Ron, Renato Zero, Vasco Rossi, Susanna Parigi. Ha collaborato con i Pooh, Ezio Bosso, Roberto Cacciapaglia e di recente ha edito anche Canzoni da leggere, da una sua rubrica di prima pagina su Avvenire dedicata alla storia della canzone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.