Home Da ascoltare “Pop Rock, Jazz… e non solo” Rossella Seno

“Pop Rock, Jazz… e non solo” Rossella Seno

429

Rossella Seno
Pura come una bestemmia
(Azzurra Music)

Carezze di poesia, sferze d’impegno vero (ossia non omologato) e intelligenza di contenuti necessari: sono questi gli ingredienti del magnifico album con cui la cantattrice di Venezia Rossella Seno torna ai dischi, dando seguito a un percorso di coraggiosa qualità già passato per reinterpretazioni della grandissima Milly, incisione d’inediti di Piero Ciampi, spettacoli di Teatro Canzone dedicati anche a temi doverosi come il femminicidio.

Grafica Divina

Con “Pura come una bestemmia” Rossella Seno scuote e denuncia sin dalla copertina: una sua crocifissione volutamente provocatoria (come il titolo) ma non già contro i valori, bensì proprio contro la tristemente larga parte d’umanità che -tanto quanto i farisei evangelici- i valori bistratta e svilisce, nascondendo dietro maschere a volte persino feroci indifferenza, violenza, mancanza di rispetto per gli altri, gli animali, l’ambiente.

Insomma, a ben vedere, “Pura come una bestemmia” è la sintesi d’un grido sfaccettato -e declinato in tredici ottimi brani- lanciato in nome dei tanti, oggi forse troppi, “poveri Cristi” vittime del mondo che un giorno (scandalizzando la stessa Chiesa) Papa Luciani ebbe a citare.

Cristi laici che oggi s’incarnano, oltre che fra gli ultimi ampiamente sotto i riflettori della cronaca (gli emigranti), anche in una serie d’altre situazioni umane e non che Rossella canta magistralmente: dai cosiddetti “diversi” ai carcerati, dagli orsi tibetani torturati per danaro sino al caso specifico di Stefano Cucchi o alla figura antica di Simona Kossak, biologa che scelse di tornare alla natura e perciò venne bollata come “strega”, donna oggi forse icona dei tanti che non sanno ritrovarsi, in un mondo ipocrita e mirato solo a successo e denaro, dentro un vivere che emargina gli sfortunati quanto chi osa percorrere strade alternative o -non sia mai- avere un’etica.

Ai temi forti or ora adombrati, e ad altri consimili senza dimenticare passaggi di riflessioni quasi filosofiche e più intime, Rossella Seno dona con bravura e personalità voce e vigore: così che diventa autrice dei brani del CD (i quali non sono suoi, ma d’importanti collaboratori-poeti) proprio nella misura in cui interpretandoli evita ghirigori, retorica, facili pietismi, inutili ideologizzazioni; Rossella con la sua voce limpida e forte, ben educata al senso delle cose, sa invece bene sdoppiarsi fra sensibilità e sensualità, e se necessario anche fra elegia e rabbia, ma senza mai perdere di vista né il senso né la misura, sino a coinvolgere a più livelli l’ascoltatore.

Dal brivido dell’emozione allo scuotimento del prendere coscienza. Inoltre, giova alla sua arte la saggia scelta -pure non scontata, in un album siffatto- di lasciare a parole e voce l’impatto di base, per puntare invece sul piano musicale su una raffinatezza sonora quasi assoluta, che riecheggia tradizioni popolari, mondo teatrale e -segnatamente- l’eredità di Fabrizio De André.

“Pura come una bestemmia” ha innumerevoli passaggi salienti, a partire dall’abbrivio: una poesia di Erri De Luca sui migranti del “Mare Nostro” Mediterraneo. E nell’opera Rossella Seno passa dai passaggi strazianti, crudi, d’un testo etico interpretato con intensa e delicata classe (“Ascoltami o Signore”) al quasi stornello popolano cui dar corpo, ma mai eccessi che lo sviliscano, “Lasciatemi stare” (dedicato a un carcerato suicida dietro le sbarre).

“La ballata delle donne”, in cui Lino Rufo musica una poesia sul femminile di Sanguineti con saporosità folk, è in duetto con Mauro Ermanno Giovanardi prova d’autrice “vocale” altissima, donna che sa entrare nelle viscere dell’esser donna con profondità e rispetto; “Luna su di me”, dove Rossella prende la parte degli orsi torturati, è esempio di come raccontare una tragedia tremenda, ai più ignota e diremmo imperdonabile senza dimenticare lo stile, sino a regalare toccanti eco d’infanzia perduta all’ascolto; “Sei l’ultimo” invece è fintamente leggiadra, e denuncia usando tocco e sarcasmo d’un’eleganza retrò; mentre “Gli occhi di Stefano” (ovvero Cucchi) abbina una melodia toccante di Piero Pintucci e un testo sensibile di Michele Caccamo al canto dolente, privo di retorica o manierismi di parte, dell’interprete.

Un’interprete che convince insomma dappertutto, nel lavoro: anche negli squarci -testuali e canori- poderosi d’una “La città è caduta” che con testo di Pino Pavone sodale di Ciampi svela il crollo della nostra presunta modernità, o nella sfiziosa e sardonica “La chiamano strega”, che fra eco branduardiane e profondità celtiche enuncia il male che certuni sanno far provare a chi solo osa allontanarsi dalle vie dell’omologazione; per approdare alfine alla chiusa maiuscola di “Puri come una bestemmia” di Federico Sirianni, grido mosso, originale e alto contro l’ipocrisia dilagante.

Un grido che Rossella Seno fa suo -e rende nostro- alla grande, come del resto ha fatto in tutto l’articolato percorso d’impegno concreto e poetico, qui pur davanti a una partitura impervia, eppure ed ancora senza mai dimenticare di tenere fermo il senso: del suo virtuoso, pulito, colto, etico e necessario cantare.

Articolo di: Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare, “Puri come una bestemmia”:
https://www.youtube.com/watch?v=Ec7IFJkleVw

Articolo precedenteEugenio Giani questa sera al Caffè de La Versiliana
Articolo successivoIn Versiliana torna protagonista la prosa con Corrado Tedeschi
Andrea Pedrinelli
Critico musicale e teatrale, è giornalista dal 1991 e attualmente collabora con Avvenire, Musica Jazz, Scarp de’ tenis, Vinile. Crea format tv e d’incontro-spettacolo, conduce serate culturali, a livello editoriale ha scritto importanti saggi fra cui quelli su Enzo Jannacci, Giorgio Gaber (di cui è il massimo studioso esistente), Claudio Baglioni, Ron, Renato Zero, Vasco Rossi, Susanna Parigi. Ha collaborato con i Pooh, Ezio Bosso, Roberto Cacciapaglia e di recente ha edito anche Canzoni da leggere, da una sua rubrica di prima pagina su Avvenire dedicata alla storia della canzone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.