Home Musica “pop rock jazz…e non solo” Session Americana North East

“pop rock jazz…e non solo” Session Americana North East

Session Americana
North East
(Appaloosa Records-IRD

  La super-band statunitense zeppa di personaggi “doc” per molti versi storici (dal cantautore Ry Cavanaugh al batterista Billy Beard, sino a Jennifer Kimball del duo The Story) esplora nel suo settimo lavoro la musica americana del Nord-Est. E Nord-Est, negli States, significa in concreto il portato folk-autorale di Boston, Portland, Providence, del New England e dei figli di un’immigrazione più strettamente britannica; ma musicalmente significa anche forse l’America più “americana”, certo un’America in musica più originale e autoctona, rispetto a quella da subito contaminata, a Chicago o New Orleans, da suoni africani e celtici, dalle origini del blues o quelle del jazz.

Grafica Divina

Così il viaggio nel “North East” di Session Americana, compiuto come sempre con strumenti vintage di fascino impareggiabile, è un viaggio molto “on the road”, nella cultura del viaggio spazio-temporale stesso d’un Paese dalle mille frontiere, dalle mille culture e dai mille colori: che si esprimono nell’eredità nordestina – fatta anche di firme come quella di James Taylor, peraltro – in un continuo rimpallo d’autore fra melanconie ariose ed energie trattenute nervosamente, delicatezze rarefatte ed asperità terrigne.

Il viaggio della band nel CD si compone di ben 14 brani, fra i quali è interessante riscoprire “Dim All the Lights” di Donna Summer in versione minimal-folk o la strepitosa “Goodbye” di Patty Griffin; per tacere dell’ammaliante e densa “Coming Around Again” a firma Carly Simon, autrice di scrittura intrigante senz’altro da riportare all’attenzione. Ma è un viaggio talmente composito che è difficile, isolarvi la dolente “You’ll Never Get to Heaven”, che tocca i nervi scoperti d’un’area in degrado, più che sottolinearvi il vibrante canto di libertà e ricerca del bello che in modo umbratile e caustico sprizza fuori “Roadrunner”; e qua e là in esso le chitarre svisano e stratificano rock da eco folk o addirittura country, come capita per pagine ricche d’emozione tipo “Merrimack County” o “You Go Your Way”.

Forse però il brano che più riesce a far capire la forza e le molteplici sfumature di questa band, nonché la sua profondità di rilettura e modernizzazione rispettosa, è “The Night”: cantautorato alto dell’icona dell’indie rock Mark Sandman nel quale Session Americana può partire dalla base d’una scrittura da brividi, per dilatarla esplorandola con tatto e sospensione senza però rinunciare ad azzeccate, graffianti, moderne dissonanze. Sino a trasportare l’America di ieri in quella di oggi, o forse, meglio, a centrare l’America di sempre: fra paure e slanci, ideali e chiusure, eterna prigioniera di molte contraddizioni.

Forse “North East” è un CD per adepti, si potrebbe pensare. E per certi versi lo è; però forse, e proprio per quanto appena scritto, potrebbe funzionare molto bene come “guida” per chiunque. Chiunque volesse, poi, intraprendere in profondità un viaggio altro: dentro quello che Session Americana con intelligenza e gusto seleziona, e magari partendo proprio da un James Taylor, che ne vale sempre la pena…

Articolo di: Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare, “The Night” dal vivo:
https://www.youtube.com/watch?v=xadAplstXfE

Articolo precedenteDa leggere Gli occhi vuoti dei santi di Giorgio Ghiotti
Articolo successivoOspite del nostro format musicale Sabba
Critico musicale e teatrale, è giornalista dal 1991 e attualmente collabora con Avvenire, Musica Jazz, Scarp de’ tenis, Vinile. Crea format tv e d’incontro-spettacolo, conduce serate culturali, a livello editoriale ha scritto importanti saggi fra cui quelli su Enzo Jannacci, Giorgio Gaber (di cui è il massimo studioso esistente), Claudio Baglioni, Ron, Renato Zero, Vasco Rossi, Susanna Parigi. Ha collaborato con i Pooh, Ezio Bosso, Roberto Cacciapaglia e di recente ha edito anche Canzoni da leggere, da una sua rubrica di prima pagina su Avvenire dedicata alla storia della canzone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.