Home Musica ARUÀN ORTIZ presenta HIDDEN...

ARUÀN ORTIZ presenta HIDDEN VOICES

Martedì 22 marzo, alle ore 21.30, presso Santeria Social Club a Milano (via Toscana, 31 – ingresso gratuito) il pianista jazz Aruàn Ortiz, cubano d’origine ma alfiere di creatività e improvvisazione nel quartiere di Brooklyn a New York, presenta dal vivo – in trio con Andrea Grossi, al contrabbasso, e Filippo Sala, alla batteria – il suo nuovo disco Hidden Voices (Intack Records).\r\n\r\n \r\n\r\nIl pomeriggio del giorno stesso, alle ore 19.00, presso Santeria Paladini 8 (via Paladini, 8 – iscrizioni 30 euro solo seminario – info aruanortizclinics@gmail.com +393497209576) il pianista cubano terrà un workshop, intitolato “Tecniche di composizione e improvvisazione basate su differenti sviluppi musicali” aperto a tutti gli strumenti.\r\n\r\n \r\n\r\nHidden Voices è composto da sette brani inediti e dalle interpretazioni degli standard “The Sphinx” e “Open and Close” e il canto tradizionale cubano “Uno, Dos y Tres, Que Paso Más Chevere”. Il trio di Aruàn Ortiz – composto da Eric Revis, al basso, e Gerald Cleaver, alla batteria – intreccia in ogni brano le radici della musica afro-cubana e quelle dell’hard-bop usando spesso le note del piano come parte integrante del ritmo senza però alienarsi mai dall’aspetto armonico.\r\n\r\n \r\n\r\n«Le ‘Hidden Voices’ sono i miei amici, mentori e maestri che hanno nutrito la mia sete di conoscenza ma lo sono anche le energie che si sono catalizzate negli anni della mia formazione a Santiago de Cuba ed ora sono fonte di ispirazione. – commenta Aruàn Ortiz – Lo sono soprattutto le voci che ci appaiono quando ascoltiamo noi stessi. Per esempio, ammiro le illustri personalità protagoniste del Cubismo, come Picasso, Braque e Lam, perché avevano l’abilità di decostruire la realtà, invitandoti a guardare meglio l’opera per capire cosa esattamente esprima. Il loro tema principale è spesso frammentato e nascosto all’interno del quadro. Ci vuole tempo e pazienza per capire il messaggio nascosto. Credo che più lo ascolti, più ti saranno familiari i suoi brani e le sue melodie, più questo disco ti sembrerà chiaro e vicino.»\r\n\r\n \r\n\r\nARUAN ORTIZ, pianista, produttore, insegnante e pluripremiato compositore di fama internazionale. Gli studi come violista classico, oltre che pianista lo hanno portato a spaziare nella composizione musicale, incorporando la musica classica ai ritmi afro-cubani ma mantenendo l’improvvisazione come base per le sue composizioni. Nel corso degli anni riceve numerosi premi: nel 2014 al Doris Duke Artist Impact Award e come Artist-in-Residence al Pocantico Center presso il Rockefeller Brothers Fund; come arrangiatore nel 2011 con il premio Latin Jazz Corner per il suo contributo all’album del flautista Mark Weinstein “El Cumbanchero”; semifinalista nel 2001 al Jas Hennessy Piano Solo Competition di Montreux e nel 2000 in Spagna riceve il premio Best Jazz Interpretation al Festival de Jazz in Vic. Approda a New York nel 2008 e suona con il Wallance Roney Quintet a cui sono seguiti cinque dischi accolti e sostenuti dalla critica musicale. Nel 2012 registra tre album come leader: “Orbiting” (Fresh Sound 2012); “Santiarican Blues Suite” (Sunnyside 2012), e il disco “Banned in London” (Whirlwind Recordings 2012) dove intraprende una collaborazione cubano-americana includendo nella formazione il compositore Michael Janisch, al basso, Greg Osby al sassofono e Rudy Royston, alla batteria. Aruàn Ortiz ha lavorato come compositore per: Woodwind Quintet Ensemble di Santiago de Cuba; l’Orchestra da Camera di New York; l’Oyu Oró, gruppo di danza folcloristica di New York; per Youme & Milena Zullo del Balletto di Roma; per José Mateo Balletto del Teatro di Cambridge, e per l’Albany Symphony Orchestra di New York. Ha composto e diretto la colonna sonora del film “Sin Alas” del 2014. Tra le numerose collaborazioni in sala di registrazione e in tournée ricordiamo Esperanza Spalding, Joe Lovano, Terri Lyne Carrington, Andrew Cyrille, Oliver Lake, Rufus Reid, Henry Grimes, Cindy Blackman-Santana, Don Byron, Lenny White, Greg Osby, e Wallace Roney.\r\n\r\n \r\n\r\nwww.intaktrec.ch

Grafica Divina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.