Home Da leggere “Laziali bastardi, 50 ritratti” di Chiappaventi e Palucci in libreria

“Laziali bastardi, 50 ritratti” di Chiappaventi e Palucci in libreria

“Laziali bastardi, 50 ritratti” in libreria. Non è stato sempre facile a Roma. Non è stato sempre facile per la Lazio. I suoi tifosi hanno vissuto ogni scandalo e ogni tragedia del calcio italiano degli ultimi quarant’anni ma nessuno ha mai lasciato la sciarpa nel cassetto. La squadra di calcio fondata da quel Luigi Bigiarelli, bersagliere, podista e fondista che non aveva mai giocato a pallone, ha regalato tanto alla storia del calcio. A 121 anni dalla nascita della prima società di Roma, in Laziali Bastardi il giornalista Guy Chiappaventi e il disegnatore Emanuele Palucci ne ripercorrono i successi e i fallimenti, attraverso le vite – spesso disastrate e controverse – di chi ha preso parte a questa grande narrazione indossando la maglietta biancoceleste.

Guy Chiappaventi ed Emanuele Palucci: “Laziali bastardi, 50 ritratti”

Non un’enciclopedia né un album di campioni, la raccolta di Chiappaventi e Palucci è piuttosto una raccolta di agiografie pagane fatta di giocatori tarantiniani, di bastardi senza gloria. C’è Guerino Gottardi e non c’è Roberto Mancini. Non ci sono i presidenti, i direttori sportivi, i general manager, non è l’elenco dei bomber con tutti i goal segnati, ma non mancano certo Piola, Chinaglia, Giordano, Signori, Vieri, Klose e Immobile.

Grafica Divina

Ti piacerebbe raccontare in una intervista chi sei e cosa fai?
Dai un’occhiata al nostro Format!

Le vite che i due autori narrano – ripercorrendo gli ultimi cinquanta anni di storia del calcio – non sono certo volte a fare di questo libro un titolo sentimentale per soli tifosi, ma un volume iconico denso di passione, talento e molta sregolatezza.

Da Caicedo, il Panterone, l’uomo dell’ultimo minuto, a Humberto Tozzi, il Garrincha laziale coi suoi dribbling, sigarette e superalcolici. Dallo storico incontro con il Mallorca, che vide Vieri giocare con la testa bendata e insanguinata, all’unica partita giocata dal portiere Cudicini, che rimase in campo sebbene avesse un ginocchio distrutto. E poi ancora la serie di infortuni di Gascoigne, Mihajlovic, Lovati.

Chiappaventi, con uno stile impetuoso e incalzante come le telecronache più entusiasmanti, di ognuno ne ripercorre gesta, contraddizioni, peculiaritàAd accompagnare l’apertura di ciascun ritratto, la firma inconfondibile del pittore, illustratore e tatuatore Emanuele Palucci, che arricchisce la narrazione con una serie di primi piani.

Liberandosi da un fardello politico, gli autori ci offrono un racconto non esclusivamente rivolto a tifosi e simpatizzanti: Laziali Bastardi è un libro sulla storia di un certo calcio, sulla squadra di una grande città, identitario, certo, ma destinato a parlare della storia del pallone.

Gli autori

GUY CHIAPPAVENTI giornalista inviato del tg La7, si occupa di cronaca. Dopo aver raccontato la suburra di Roma, la mafia e la ‘ndrangheta, negli ultimi anni ha seguito la cronaca giudiziaria a Milano. Ha pubblicato cinque libri: il primo, Pistole e palloni sulla Lazio anni Settanta, ha avuto otto edizioni in quindici anni.

EMANUELE PALUCCI tatuatore, pittore e illustratore, romano. Ha partecipato a tattoo convention internazionali, spesso lavora a Londra e per il suo lavoro è in procinto di trasferirsi a New York.

dasapere da leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.