Home Da ascoltare Antonio Cece “Promenade” Album di esordio dell’Aleph Trio

Antonio Cece “Promenade” Album di esordio dell’Aleph Trio

346

La band è composta da Antonio Cece, chitarrista e compositore del trio, Daniele de Santo, contrabbassista e Marco Fazzari alla batteria. L’album, di 7 brani strumentali, è già arrivato all’orecchio del A&R americano Wulf Muller (Sony,Okeh) , che ne ha scritto sul suo blog: “Antonio ha un suono di chitarra chiaro e toccante, può essere rilassante o avere un groove potente, ma ci racconta sempre una storia… e Fazzari e De Santo lo sostengono e lo spingono quando necessario. Album di debutto sorprendente e altamente raccomandato”. https://wulfmuller.wordpress.com

Promenade è stato concepito come la storia di un viaggiatore che esplora curiosamente il legame e lo sforzo tra l’atto di partire e di tornare. Lo storytelling di Promenade, inizia come al solito: cercando qualcosa o qualcuno. E finisce come altre storie: tornando a casa, con una consapevolezza acquisita. Cece, Fazzari, De Santo orientano le loro energie musicali verso una ricerca del linguaggio improvvisato, intriso di nu-jazz, musica classica, post rock e di colori appartenenti alle loro radici musicali.

Grafica Divina

I brani di Promenade sono interpretati con una poetica che rimanda alla musica strumentale descrittiva e ad una narrativa dagli ampi scenari ed onirici scorci. 

Aleph è il simbolo dell’unità, del principio, e perciò della potenza, della continuità, della stabilità, ed anche il centro spirituale da cui irradia il pensiero.

Il racconto musicale del trio è basato su composizioni inedite del chitarrista Antonio Cece, elaborate, e sinergicamente interpretate, dalla sezione ritmica Fazzari, De Santo. Versatile ed eclettico trio, che si muove in spazi sonori a passi saldi, ben direzionati da un interplay consolidato da anni di collaborazioni tra progetti live e registrazioni (Swunk).


I video di “Promenade” ed “Half of a Second”, sono interamente realizzati dall’artista visiva Ludovica Bastianini, riconosciuta in Italia e all’estero per la sua ricerca fotografica.

La fotografia è infatti il mezzo privilegiato di narrazione di questi corti animati. Alternando fotografie dipinte a mano e in digitale, fotografie scattate ad hoc e fotografie ready made prese dagli archivi personali dei musicisti, in modo ironico e surrealista

“Promenade” ci parla di un’esperienza comune a molti dei nostri giovani e non solo: l’esperienza dell’emigrazione, del viaggio alla ricerca di qualcuno o qualcosa, del perdersi in altre culture e paesi, anche del tentativo di omologarsi, per poi, a volte, ritornare alla propria città d’origine, con una nuova consapevolezza, e ritrovarsi, riconoscersi.

L’album è stato pubblicato venerdì 13 a novembre ed è online su tutti gli store digitali. Spotify Link

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.