Home Arte Sguardi. I giorni della terra. La personale di Maria Luisa Mauro

Sguardi. I giorni della terra. La personale di Maria Luisa Mauro

Sguardi. I giorni della terra.

Con la personale di Maria Luisa Mauro riprendono le mostre dedicate ad artisti emergenti. La vernice sabato 10 novembre ore 17,30 al Palazzo delle Esposizioni
Apertura tutti i giorni 10- 25 novembre 2018, INGRESSO LIBERO

Grafica Divina

“Sguardi. I giorni della terra”. Con la mostra personale di Maria Luisa Mauro, pittrice legata alla nostra città dove si è formata, la Fondazione Banca del Monte di Lucca torna ad offrire i propri spazi del Palazzo delle Esposizioni per far conoscere al pubblico i frutti artistici della vivacità culturale della città, attraverso personali dedicate ad emergenti. La vernice è in programma questo sabato 10 novembre alle 17,30 e la mostra resterà aperta a ingresso libero fino al 25 novembre 2018, tutti i giorni con orario 16-19.

Il pittore Roberto Altmann, presso il cui atelier la pittrice segue corsi d’arte, descrivere l’opera pittorica di Maria Luisa Mauro “Fra rigore geometrico e superfici materiche”. Nelle sue opere “il rigore – scrive-, che costruisce piani metafisici, rappresenta ricordi di città fra loro lontane, avvicinate dall’agglomerarsi di strutture che nel tempo si sorreggono e sostengono e ne creano la storia: non poi così lontane sono Genova nei suoi carruggi e Casablanca. Una comunicazione di ordine e di luci, di ombre e spazi quasi a richiamare il purismo dei pittori trecenteschi della Toscana, forse un ricordo della nostra pittrice per i maestri del passato. Nell’opera “Medina” una figura si erge in controluce, là, piccola, in piedi: ed emerge la metafisica e il senso della solitudine del vuoto. Muri che come parti di un labirinto nascondono abitanti silenziosi.. città invisibili.. Calvino? Un balzo e siamo proiettati nelle opere simboliche che con l’uso della materia come soggetto mi ricordano l’opera di Magritte:  “ça n’est pas une pipe!” l’artista surrealista contraddice la nostra abitudine a nominare ogni cosa, è l’apertura ad altro. Lei invece afferma: “Questa che io vedo sulla spiaggia dipinta è sabbia” e non solo la rappresenta ma la usa. E si afferma la materia. Su questa linea molte opere che a volte richiamano all’Art brut… “detriti sulla sabbia, raggio di sole sulla battigia, sedimenti marini, abbandono” …ma in esse a volte una nota di colore si afferma a riportarci alla pittura, al dipinto, a non farci troppo sviare dal materico. Gestire i colori, la materia e la composizione per crearne un’opera! “Pino della Provenza” racchiude in sé le due tendenze: la geometria cesellata nel tronco, la campitura puro sfondo, piano piatto come il verde, il colore talvolta di una pausa, un ordine.. E restare tuttavia con l’attitudine aperta alla realtà che “sedimenta” in sé e fa scaturire idee nuove, atmosfere e future opere”.

Maria Luisa Mauro, nata dopo la seconda guerra mondiale in un paese dell’Amiata, ha trascorso gli anni dell’infanzia a Coreglia Antelminelli. Negli anni Sessanta frequenta il liceo classico a Lucca e si iscrive poi alla Facoltà di Lettere dell’Università di Pisa, dove scopre lo “specifico” dell’Arte visiva attraverso le lezioni di Carlo Ludovico Ragghianti. Insegna per molti anni e si impegna su tematiche sociali. Inizia a interessarsi al disegno e alla pittura in prima persona, forte anche di un percorso universitario in psicologia nell’arte. Frequenta, a Sestri Levante, l’Atelier di Roberto Altmann. Quest’ultimo – come lei stesa dichiara – è uno dei fattori determinanti, che le ha permesso di tentare il percorso personale che ora timidamente offre in visione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.