Home Da applaudire Omaggio a Carla Fracci al Teatro Carcano di Milano

Omaggio a Carla Fracci al Teatro Carcano di Milano

Omaggio a Carla Fracci

Venerdì 4 marzo il Teatro Carcano di Milano renderà omaggio alla ballerina classica più conosciuta al mondo ospitando il Gala Carla Fracci evento che si avvale della regia e supervisione di Beppe Menegatti e della Maitre du Ballet Sabrina Bosco.

Il gala ripercorrerà i momenti più significativi di colei che è stata Etoile del teatro alla Scala di Milano, colei che ha ballato con i più prestigiosi partner della danza internazionale, attraverso alcuni filmati e la partecipazione di importanti personaggi dell’attuale mondo del balletto.

Grafica Divina

Omaggio a Carla Fracci al Carcano di Milano

Carla Fracci col suo talento e la sua dedizione ci ha regalato tanto, tante emozioni perciò era doveroso rendere omaggio a questa grande ballerina che ha speso una vita intera a beneficio della danza classica e che tanti sforzi ha fatto affinché il “balletto” non venga dimenticato. Carla, esercitava ancora un grande fascino ed era di esempio ed incoraggiamento per chi vuole intraprendere una carriera senza dubbio fatta di sacrifici, ma anche di soddisfazioni; come è stato per lei.
La sua carriera brilla di successi! Successi che non hanno minimamente intaccato il lato umano. Sacrifici, rigore e tanto amore per la danza; il tutto con grande semplicità.

Vuoi farti conoscere?
Compila il nostro Format per essere protagonista nella prossima intervista
oppure scrivi alla nostra redazione per trovare la tua formula giusta!
redazione@dasapere.it

Omaggioa Carla Fracci

Una volta smessi i costumi di scena, Carla Fracci dava di sè l’immagine di una esile, piccola ed elegante signora di altri tempi appartenuta ad una Milano di altri tempi; quella del Teatro alla Scala di cui ha contribuito a diffondere la fama nel mondo. Una signora semplice orgogliosa delle sue origini umili che evocava nei suoi racconti, nei ricordi della sua Milano, quella nebbiosa che ora non c’è più, dei tram che transitavano davanti alla Scala dove lei muoveva i primi passi di danza; tram come quello che conduceva il suo papà e lo scampanellio ogni volta che con quel tram lui passava davanti alla Scala. Era il loro saluto, il loro messaggio segreto. il segnale di incoraggiamento per dirle quanto lui fosse orgoglioso di lei.

Tenacia, rigore, duro lavoro e inestinguibile passione per la danza. Queste le caratteristiche fondamentali della carriera di Carla Fracci che il gala metterà in risalto attraverso brani scelti da balletti del suo repertorio e tramite il contributo di etoiles provenienti dai più importanti teatri internazionali.

Danzeranno in suo onore Tatiana Melnik e Andreas Ronai dal teatro dell’opera di Budapest, Martina Arduino e Marco Agostino dal teatro alla Scala di Milano, Giuseppe Picone etoile internazionale, Gloria Buzzi dal Teatro dell’Opera di Stara Zagora, Alessandro Bonavita dal Teatro dell’Opera di Serbia, Natasha Kush Teatro dell’Opera di Odessa, Marianna Suriano,Teatro dell’Opera di Roma, Federico Mella Balletto di Milano, Anara Cardoso Real Conservatorio Mariemma di Madrid, Liudmila Konovalova Teatro dell’Opera di Vienna, Klaudia Radacovska e Arthur Abram Teatro dell’Opera di Brno, gli allievi della Scuola Danza Accademia e del Centro Studi Corografici Teatro Carcano diretto dal maestro Aldo Masella. Tutti con il solo scopo di onorare la carriera di una grande professionista della danza e rendere omaggio alla donna che della danza ha fatto la sua ragione di vita.

Carla Fracci ha ballato fino a tarda età. Ultimamente, sempre di bianco vestita, la si vedeva spesso nelle serate milanesi dove veniva ricordata la danza, in cui si doveva sostenere la danza, nei teatri dove venivano omaggiate persone che come lei tanto hanno dato a questa forma d’arte. E lei accettava di buon grado l’invito, per mantenere vivo il ricordo, come accadde in una serata di un po’ di tempo fa proprio al Teatro Carcano di Milano in cui mia moglie ed io fummo invitati. Ricordo che lei salita sul palco portò il suo contributo, il suo racconto, rinnovando ancora una volta l’invito a non dimenticare la danza e ribadendo l’importanza che riveste per la cultura. A lei ora va il ringraziamento per quanto col suo talento e col suo impegno ci ha regalato e questa serata sarà il giusto tributo.

Seguirà un omaggio particolare ed esclusivo da parte del Teatro alla Scala, di Milano. Un evento che si terrà nel prossimo mese di aprile. Il giusto e doveroso riconoscimento di un teatro che tanto lustro ha ricevuto dalla Fracci e della città di Milano, che tanto devono a questa piccola ma grande donna.

Articolo di: Ugo Negrini
Foto di Angelo Redaelli

dasapere da leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.