Home Da conoscere Intervista a MariaGiovanna Luini sul suo ultimo libro “Parla come ami”

Intervista a MariaGiovanna Luini sul suo ultimo libro “Parla come ami”

Da pochissimo in libreria il nuovo libro di MariaGiovanna Luini, chirurga, senologa, con due specializzazioni e un master universitario, ma anche autrice prolifica di importanti romanzi, storie, saggi.
La sua nuova produzione letteraria – che arriva dopo La via della cura (Mondadori 2020) – è Parla come ami sempre per Mondadori, un nuovo importante contributo sull’infallibile potere delle parole.
“I miracoli non hanno bisogno di essere sottolineati con grandi discorsi: accadono e basta. Lo stesso fa l’amore” si legge nella terza di copertina e l’amore da sempre accompagna tutti i libri di questa donna preziosa con cui abbiamo l’onore di dialogare…

L’intervista

In “Parla come ami” si parla un approccio che tiene in considerazione l’aspetto spirituale (invisibile) delle malattie, quanto è importante?

Grafica Divina

È l’unico approccio possibile, la base di tutto. La malattia e gli incidenti (apparentemente casuali) hanno un’origine che va molto al di là della descrizione fisiopatologica: a lungo abbiamo scambiato l’effetto con la causa, e ancora lo facciamo troppo spesso nella medicina convenzionale. Ciò che osserviamo nelle cellule, nelle molecole, addirittura nel DNA è conseguenza di altro e non la sua causa. La cura è un cammino che può essere intrapreso in mille modi, liberamente scelti: l’unico punto comune per tutte le vie terapeutiche, o almeno così dovrebbe essere, è la certezza che lo spirito, cioè la parte invisibile che alcuni definiscono interiore, è cruciale e sempre necessario per avviarsi davvero verso un cambiamento positivo. La guarigione interiore o spirituale (usate le parole che sentite affini) non è un vezzo, una moda, un elemento aggiuntivo per chi può permettersi di cercare anche lì: è il fondamento di ogni reale guarigione, cioè di un nuovo equilibrio che si trova usando mezzi di varia natura (anche la medicina convenzionale, ovviamente).

Parla come ami
Vuoi farti conoscere?
Compila il nostro Format per essere protagonista nella prossima intervista
oppure scrivi alla nostra redazione per trovare la tua formula giusta!
redazione@dasapere.it

Quando è maturata in te la decisione di dedicare un libro alle parole?

Quando ho finalmente visto quale sia l’elemento di cura nella mia pratica quotidiana. Ho cercato a lungo, ho studiato ed esplorato perché sentivo che esiste un elemento segreto, un dettaglio così palese da essere difficile da cogliere: il dono per fare funzionare la Via della Cura. Sono le parole, ma non solo nel loro significato: la vibrazione energetica che le anima può diventare armonizzazione o distonia per chi le riceve. Le parole sono vibrazione pura, anche nella forma scritta: sapete benissimo che esistono libri vivi e libri che non trasmettono energia. Per un’ex chirurga scoprire che le parole siano più potenti del bisturi (almeno nella mia strada di aiuto agli altri) è stato strano: all’inizio non ci potevo credere, mi sembrava di non fare niente. Possibile che ascoltando e parlando si possano aiutare le persone malate? Non è solo un effetto placebo? Oggi posso dire: sì, è possibilissimo ed è anche naturale. Non si tratta di un semplice effetto placebo, senza nulla togliere a questo effetto reale e documentato. Alcuni, come Alberto (Luini), nascono con il talento assoluto della chirurgia, altri hanno doni differenti: non è la chirurgia ciò che mi è richiesto di fare, e neanche la radioterapia o la medicina generale, l’uso consapevole della vibrazione delle parole. L’uso con l’AMORE. Ecco da dove è nato il mantra PARLA COME AMI, che è il titolo del libro e il suo filo conduttore perché da tempo lo uso con i pazienti e nella vita personale ottenendo risultati che mi stupiscono tuttora.

Quanta responsabilità hanno le parole nel processo di cura e guarigione?

Una responsabilità assoluta. Con le parole possiamo ottenere miglioramenti clinici in persone che sembrano non avere speranza oppure provocare un tracollo a chi avrebbe potuto risollevarsi e guarire. Ormai lavoro nella cura da tanti anni: la maggioranza dei risultati positivi e negativi di cui sono stata testimone ha una relazione con le parole. Ho visto gente perdere le forze e morire in due giorni dopo avere retto ogni fatica, solo perchè qualcuno ha affermato: per lei non esiste speranza, è inutile che continui a cercare. Si tratta di capire una volta per tutte che le vibrazioni delle parole agiscono, fanno qualcosa dentro chi le riceve aggiungendosi al significato specifico delle frasi, scatenano reazioni ormonali e neuronali. Le parole non sono mai neutre. Esistono vie di cura esclusivamente basate sulle parole, addirittura su mantra e invocazioni: i canti, i suoni, i rintocchi di campane, la psicoterapia, le meditazioni, la preghiera, gli incontri verbali tra medici-infermieri e pazienti, le cure dei Nativi Americani e degli sciamani sono forme apparentemente diverse di una stessa essenza. Dovremmo diventare consapevoli di questo.

Nel libro in qualche modo si parla anche di magia…

La parola è la magia, e viceversa. La parola ha un effetto sulla realtà, sull’energia, sul mondo interiore quindi esteriore. La parola vibra e agisce sul mondo materiale emotivo, fisico, di pensiero. Nel libro accenno (perchè oltre non si può andare) a simboli, ad alcuni misteri, ai riti e alle parole iniziatiche, al Verbo che in principio fu e che, guarda caso, è l’inizio di un Libro Sacro. E le formule magiche che nell’infanzia attraggono ma in fondo non smettono mai di funzionare. Alcune vie terapeutiche energetiche usano molto le parole: non alludo solo alla tradizione, ma anche ad approcci molto moderni che adottano frasi apparentemente nonsense per manipolare la realtà. Ci riescono, guarda caso…

E il silenzio?

Il silenzio è la condizione essenziale e necessaria per imparare a usare le parole, per scoprirne il significato e la potenza, ma anche gli effetti micidiali quando usate con la parte ombra. Alludo al silenzio vero, non al borbottio di chi ripete: ma sì, a me il silenzio piace, anzi guarda sto zitta/o volentieri (e di fatto non tace mai). Il silenzio serve anche nella Via della Cura: non tutto va commentato e soprattutto non tutto va raccontato. Sapere tacere significa avere appreso una regola aurea dell’anima: abbiamo bisogno di spazio-tempo vuoto per generare ciò che siamo. Come dico nel libro, la Scuola Pitagorica e molte vie iniziatiche serie richiedono che chi desidera aderire stia in un silenzio totale per mesi o anni: è uno dei doni più profondi che si possano ricevere.

Info sull’autrice:

http://www.lalucechebrillasuitetti.online/
http://www.mariagiovannaluini.it

Leggi anche MariaGiovanna Luini e i suoi tarocchi 😉

Intervista di Elena Torre

dasapere da leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.