Home Da preservare WWF: Ascoltate il grido delle generazioni del futuro

WWF: Ascoltate il grido delle generazioni del futuro

166

Mentre la crisi climatica fa sentire sempre più i suoi effetti in tutto il mondo – quello del 2020 è stato il settembre più caldo mai registrato, un altro record che non avremmo voluto- gli studenti e i giovani di Fridays For Future (FFF) sono tornati in piazza proprio mentre in Europa e in Italia si discute (e decide) del mondo che sarà lasciato loro. 

Per l’Europa e per l’Italia, infatti, la costruzione di un futuro sostenibile e a “zero carbonio” passa inevitabilmente dalla capacità di indirizzare in questo senso le risorse che, con l’emergenza Covid, sono state messe a disposizione a livello nazionale e comunitario (uno dei fondi europei si chiama Next Generation, non a caso). Purtroppo corriamo il rischio che gli sforzi per costruire una ripresa verde vengano fagocitati dal trasformismo e da interessi economici a breve termine al posto di avere un orizzonte più ampio, inclusivo e sostenibile, e che si rimanga ingabbiati nel modello basato sui combustibili fossili. Il danno sarebbe climatico e ambientale, ma per i giovani anche economico e sociale. 

Grafica Divina

Un segno di speranza viene dalla decisione di ieri del Parlamento Europeo di porre l’obiettivo di riduzione del 60% delle emissioni entro il 2030 all’interno della Legge sul clima. Anche se per essere coerenti con la traiettoria indicata dalla comunità scientifica per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, il target dovrebbe essere ancora un po’ più alto (-65%) si tratta di un passo nel verso giusto. 

Come dimostra un recente studio di REF-E,  anche volendo considerare gli indicatori classici di crescita, la sostenibilità, e in particolare la coerenza e l’accelerazione delle politiche e delle iniziative per la decarbonizzazione dell’economia e a favore del clima, potrebbero notevolmente accelerare la ripresa economica. Secondo la ricerca, infatti, gli investimenti in decarbonizzazione sono la chiave per la ripresa economica post-Covid in Italia a livello macroeconomico. L’impatto economico sarebbe imponente, anche secondo gli schemi classici. Il buon utilizzo dei fondi comunitari aumenterebbe il Pil del 30% entro il 2030 e il tasso di occupazione dell’11%, con un forte miglioramento delle opportunità per i più giovani. 

Ma la transizione vera, che va abbastanza veloce per far fronte alla crisi climatica e, nel contempo, giusta, sarà possibile solo con il coinvolgimento di tutti e tutte. Specie di coloro che raccoglieranno i frutti di quel che si fa e si decide oggi. Il WWF ritiene importantissimo, quindi, che i giovani si mobilitino in prima persona per scongiurare la catastrofe climatica e anche l’ingabbiamento nel passato, quello dei combustibili fossili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.