Home Ambiente Da leggere: Bye Bye plastica

Da leggere: Bye Bye plastica

426

Il senso e lo scopo di questo libro sono chiari fin da subito, il sottotitolo che recita – Come e perché ho eliminato la plastica dalla mia vita (e senza tanti sforzi) – non lascia spazio a fraintendimenti.

Sophie Noucher scopre all’improvviso un mercoledì qualunque di non aver messo fuori la sera prima il bidone della spazzatura, quello blu in particolare, che in Francia è riservato alla plastica. E l’urgenza con cui rincorre in pigiama il camion dei rifiuti è legata al fatto che tenerlo in casa per un’altra settimana è impossibile, già trabocca.

Solo allora Sophie si rende conto dell’incredibile quantità di plastica che lei e la sua famiglia producono e decide che deve trovare una soluzione. Questo piccolo manuale pratico trabocca in effetti di consigli e soluzioni, illustrati in modo semplice e diretto e con una grafica colorata e invitante.

Al tempo stesso però contiene dati allarmanti sulle sostanze tossiche con le quali non ci rendiamo conto di venire a contatto e che invece quotidianamente respiriamo, beviamo e mangiamo. Molte di queste proprio a causa della plastica, o meglio delle plastiche, che avvolgono cibi e contengono bevande, ma presenti anche nelle vernici, nei cosmetici, nei giocattoli dei bambini…

Una lettura immancabile per chiunque voglia anche solo cominciare a capire qualcosa in più su un problema di cui tanto si parla ma per la cui risoluzione troppo poco si sta ancora facendo, e nel frattempo le isole di plastica negli oceani grandi come continenti non fanno che crescere.

Articolo di Cinzia Ciarmatori

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.