Home Da non perdere Il Premio Catarsini arriva alla ventesima edizione

Il Premio Catarsini arriva alla ventesima edizione

Giunge alla 20° edizione “Alfredo Catarsini – L’arte vera affascinante amica”, premio di pittura e grafica con libertà di tecnica e interpretazione rivolto agli studenti della Regione Toscana.
Il concorso è organizzato dalla Fondazione Alfredo Catarsini 1899 e vede quest’anno in gara gli studenti dei licei artistici “Augusto Passaglia” di Lucca, “Stagio Stagi” di Pietrasanta e “Franco Russoli” di Pisa; inoltre è a cura del Comitato Scientifico della Fondazione stessa e realizzato in collaborazione la Fondazione Carnevale di Viareggio.

Il Premio Catarsini compie vent’anni

Nella Sala del Consiglio Regionale della Toscana, a Firenze, il 20° “Premio Alfredo Catarsini” sarà presentato ai media giovedì 18 novembre 2021, alle ore 11.
Interverranno: il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana Antonio Mazzeo e il Presidente della Fondazione Alfredo Catarsini 1899 Elena Martinelli.
Con l’occasione, sarà presentata ufficialmente la pubblicazione celebrativa del ventennale del Premio Alfredo Catarsini, stampato dalla Regione e che sarà distribuito nelle scuole superiori della Toscana. 

Grafica Divina
Vuoi farti conoscere?
Compila il nostro Format per essere protagonista nella prossima intervista
oppure scrivi alla nostra redazione per trovare la tua formula giusta!
redazione@dasapere.it

Alfredo Catarsini

Nato a Viareggio nel 1899, Alfredo Catarsini ha attraversato tutto il Novecento nelle vesti di artista: a 15 anni incontrò Modigliani a Parigi e negli anni successivi conobbe Marinetti, Viani, Carrà, Garboli e Repaci – tanto per citare alcuni nomi – così come nel giro delle sue frequentazioni figurarono anche Ungaretti e Moses-Levy; partecipò alle tre edizioni del “Premio Cremona” (vincendone una), varie volte fu presente alla “Biennale di Venezia” (1942, 1948 e 1950) e per cinque volte prese parte alla “Quadriennale di Roma”; in quasi 70 anni di carriera artistica ha esposto un po’ dappertutto in Italia e all’estero, dipingendo fino alla scomparsa, avvenuta nel marzo del 1993. Nella mostra retrospettiva che gli fu dedicata nel 2005 a Palazzo Panciatichi a Firenze (sede del Consiglio Regionale della Toscana), l’ex-ministro della Cultura, Antonio Paolucci, lo definì «il pittore toscano dell’emozione»; nello stesso anno gli eredi donarono alla Galleria degli Uffizi il suo Autoritratto del 1934.

dasapere da leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.