Home Da visitare I Borghi di Calcio e Covo e i loro Murales protagonisti di...

I Borghi di Calcio e Covo e i loro Murales protagonisti di un weekend d’arte

Situati nella pianura orientale bergamasca delimitata dai fiumi Oglio e Serio, Calcio e Covo sono due borghi confinanti dall’animo rurale e dalla storia millenaria che oggi accolgono visitatori e appassionati soprattutto grazie ai loro murales, eccezionali testimonianze di un’arte destinata a una fruizione pubblica e collettiva.
Passeggiando per le strade dei due paesi, si ha la sensazione di addentrarsi in musei a cielo aperto dove le opere colorano le pareti di case ed edifici grazie alla creatività di artisti che raccontano personaggi, storie, leggende e tradizioni del luogo. Un borgo dipinto è un universo colorato di arte, storia, natura, a cui è possibile accedere ogni giorno, perdendosi tra le strade e i murales in ogni stagione dell’anno.

I Borghi di Calcio e Covo e i loro Murales protagonisti di un weekend d’arte

Il 10 ottobre 2021, grazie alle amministrazioni comunali di Calcio e Covo e all’organizzazione delle Pro Loco locali, i due borghi daranno il via a una giornata di visite gratuite tra murales di artisti talentuosi e proposte enogastronomiche d’eccezione, inaugurando l’autunno con la manifestazione Muri da Scoprire, patrocinata dall’associazione Pianura da Scoprire. L’evento en plein air verrà preceduto, il 9 ottobre, dalla visita esclusiva di una rappresentanza di Instagramers Milano (@igersmilano), la community milanese di riferimento per tutti gli appassionati di Instagram, che conta a oggi quasi 54 mila followers.

Grafica Divina
Vuoi farti conoscere?
Compila il nostro Format per essere protagonista nella prossima intervista
oppure scrivi alla nostra redazione per trovare la tua formula giusta!
redazione@dasapere.it

Sono ben 47 i muri da scoprire a Calcio grazie all’iniziativa Narrano i muri che, a partire dal 1995 ha trasformato il paese in un museo a cielo aperto. Le facciate delle case di Calcio sono così diventate gli spazi espressivi di artisti (Trento Longaretti, Giovanni Repossi, Floriano Bodini), istituti d’arte (l’Accademia di Brera, quella di Birmingham e quella di Vienna), pittori locali (come Beppe Corna, Mario Lazzarini, Giorgio Pasolini, Pietro Ricci, Giovanni Sara, Amedeo Togni). Tra i temi narrativi protagonisti dei muri c’è in primo luogo quello dell’acqua, legato alla presenza del fiume Oglio e all’immenso parco che lo circonda. Ma i murales parlano anche delle attività locali come la filatura, dei filari di gelsi, della costruzione del ponte sull’Oglio e della prima ferrovia, dei due castelli del borgo, Silvestri e Oldofredi, uno dei quali ospitò Napoleone III prima della battaglia di Solferino; delle chiese, tra cui l’immensa parrocchiale, una delle più grandi di Lombardia dopo il duomo di Milano, per la cui costruzione fu decisivo l’intervento dell’architetto Carlo Maciachini. Anche la poetessa Alda Merini amava questo borgo laborioso, in cui visse assieme al primo marito Ettore Carniti, tuttora sepolto nel cimitero locale.

murales di Covo

Il paese di Covo, invece, si è trasformato in pinacoteca a cielo aperto in anni più recenti, grazie all’operazione di rigenerazione urbana voluta da un gruppo di giovani sostenuti dall’Amministrazione Comunale.  Ogni anno, la manifestazione Cultural’mente Covo Festival commissiona a un artista un muro cittadino da dipingere. Con le opere di street artist locali e internazionali (da Revolt e Etsom all’ex Orticanoodles Davide Tolasi, fino ad artisti che hanno lasciato il loro segno oltreconfine come Andrea RAVO Mattoni, UFOcinque e VESOD) il borgo si è arricchito di sei murales, che rendono l’arte fruibile a tutti raccontando storie e celebrando personalità come quella di Caravaggio, la cui famiglia di era originaria dell’omonimo paese a pochi chilometri da Covo.

Oltre ai muri, a Covo sarà possibile visitare la Santella di San Lazzaro, edicola votiva che commemora la donazione della testa di San Lazzaro da parte di Bartolomeo Colleoni, la chiesa parrocchiale, la torre del castello del XIII secolo, il Mulino Colpani. Alle 17, inoltre, in piazza Don Luciano Canapa si svolgerà il Medioevo Covese, rievocazione storica del miracolo della reliquia di San Lazzaro. Quest’anno, in onore dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, la manifestazione verterà anche sulla figura di Buoso da Dovara, signore di Cremona che, tradendo gli alleati, chiese aiuto ai covesi per la costruzione di una fortezza, meritando un posto tra i traditori della patria, nell’ultimo girone infernale del Sommo Poeta. La rappresentazione è organizzata dalla Pro Loco Covo e dalla compagnia teatrale Studio Oida. Infine, per l’intera giornata verrà allestito un luna park presso l’area dell’ex Alimonti.

L’appuntamento con MURI DA SCOPRIRE cade la seconda domenica del mese di ottobre in occasione della Sagra del Raviolo Nostrano di Covo, specialità locale che sin dalla fine dell’Ottocento si gusta in questo periodo dell’anno, momento in cui il mondo contadino festeggiava la conclusione dell’annata agraria prima del riposo invernale. A mangiare in abbondanza questo tipo di raviolo erano le diverse categorie professionali locali, che in giorni consecutivi consumavano la leccornia la cui ricetta è stata tramandata solo oralmente: il lunedì era il turno dei contadini, il martedì toccava ai i commercianti, e così via. Quest’anno la degustazione del raviolo si terrà eccezionalmente in alcune osterie, cocktail bar e ristoranti che proporranno speciali menu, da assaporare esclusivamente su prenotazione nel rispetto delle normative sanitarie vigenti.

A Calcio sarà invece possibile degustare, in agriturismi, ristoranti e bar dedicati, le specialità locali con proposte ideate appositamente per la giornata: oltre ai prodotti del territorio, gli amanti dei dolci potranno deliziarsi con la torta calcense e il gelato murales, che celebra le numerose opere disseminate per le strade del paese.

Oltre che nella giornata del 10 ottobre, è sempre possibile visitare Calcio e Covo in autonomia durante tutto l’anno, scaricando mappe, schede dei murales e materiali informativi su www.pianuradascoprire.com

Responsabile culturale del progetto di valorizzazione dei muri, Benedetta Rutigliano, giornalista e coautrice della Guida ai paesi dipinti di Lombardia (2015, Book Time).

L’INTERA INIZIATIVA MURI DA SCOPRIRE È ORGANIZZATA IN RISPETTO DELLE NORMATIVE COVID-19 VIGENTI. È NECESSARIO, QUINDI, ESSERE PROVVISTI DI GREEN PASS.

Fonte: Luana Solla

dasapere eventiinversilia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.