Home Da leggere La donna da mangiare di Margaret Atwood torna in libreria

La donna da mangiare di Margaret Atwood torna in libreria

211

Margaret ATWOOD: torna LA DONNA DA MANGIARE, il primo romanzo dell’autrice canadese

Marian è una ragazza ben educata e istruita, vive negli anni Sessanta a Toronto, ed è fidanzata con Peter, un promettente avvocato. Lavora in un’azienda che si occupa di ricerche di mercato, dove i posti di responsabilità sono tutti ricoperti da uomini. Ambiziosa, ma anche desiderosa di essere normale, Marian decide di assecondare le richieste del suo fidanzato e della società e attende fiduciosa il matrimonio, che pensa le conferirà un ruolo. La svolta inattesa giunge quando incontra Duncan, un dottorando in Letteratura inglese che ignora le regole ed è profondamente determinato, a differenza di Marian, a esprimere la propria individualità.

Grafica Divina

La ribellione parte dal corpo della ragazza, che inizia a rifiutare il cibo: prima la carne, poi le uova, infine le verdure, finché la sua personalità, tenuta così a lungo a freno, esplode in una serie di comportamenti inappropriati e sovversivi, modificando per sempre la sua rassicurante, stabile routine. Spregiudicato, esilarante e acuto, La donna da mangiare è il primo romanzo di Margaret Atwood e contiene già tutti i temi delle sue opere successive, presentandola come un’osservatrice consumata delle ironie e delle assurdità generate dal conformismo. Questo primo libro dell’autrice diventerà anche una serie tv, la cui uscita è prevista per il 2021.

L’AUTRICE

Margaret Atwood è una delle scrittrici canadesi più co­nosciute al mondo, nota al grande pubblico, ma non meno amata dalla critica, per la vena brillante e surreale, per la vivida potenza dello stile, e per la capacità di creare mondi disastrati e menti inquietanti, lenti attraverso cui leggere vertiginosamente la condizione contemporanea. Nata nel 1939 a Ottawa, Ontario, diplomata all’univer­sità di Toronto e poi laureata a Harvard (o meglio, al Radcliffe College, che era allora l’istituzione parallela a cui potevano accedere le donne), Atwood debutta presto come poeta con un piccolo libro autoprodotto, Double Persephone, e manda alle stampe diverse raccolte di versi prima di esordire come romanziera con La donna da man­giare, nel 1969. Se negli anni Settanta la sua produzione alterna prosa e poesia, con pubblicazioni che spesso si richiamano e compendiano a vicenda, negli anni Ottanta e Novanta Atwood si dedica principalmente alla narrati­va.

Il racconto dell’ancella (1985), Occhio di gatto (1988), La donna che rubava i mariti (1993), L’altra Grace (1996), in­sieme ai numerosi contributi al racconto breve e alla sag­gistica, la impongono all’attenzione dei lettori di tutto il mondo. Col volgere del secolo Atwood seguita ad attraversare e rigenerare generi e temi codificati, dal ro­manzo gotico a quello storico, dal thriller alla distopia fino al mito classico e a Shakespeare.

L’assassino cieco (2000), la trilogia dell’Adamo pazzo (2003, 2009, 2013), Il canto di Penelope (2005), Per ultimo il cuore (2015), Seme di strega (2016), e I testamenti (2019) dimostrano una stra­ordinaria fecondità immaginativa. Conosciuta per il suo impegno politico ambientalista e progressista, anche la sua presenza online non è mai priva di verve e acume critico, come quando evita di nominare gli Stati Uniti, chiamandoli piuttosto «quel paese di cui non faremo il nome», o dalla sua pagina web dà conto del risparmio energetico nel suo ufficio (per esempio: usiamo il ter­mostato a tempo, non abbiamo condizionatori d’aria, ci vestiamo a strati d’inverno).

Vincitrice di decine di premi letterari, dal prestigioso Booker Prize al Principe delle Asturie a quelli per la fantascienza come l’Arthur C. Clarke e il Nebula, fino ai riconoscimenti all’opera come il premio Franz Kafka e il Nelly Sachs, Atwood continua a scrivere poesie, come sonde mandate in avan­guardia nei territori caratteristici della sua invenzione, senza rinunciare a una lingua nitida ed esuberante e a considerare le contraddizioni umane (e post-umane) con tagliente ironia.

In libreria La Donna da Mangiare di Margaret Atwood

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.