Home Da ascoltare “Pop Rock, Jazz… e non solo” Kenny Brawner

“Pop Rock, Jazz… e non solo” Kenny Brawner

Kenny Brawner
Cross Water Blues
(Appaloosa Records / IRD)

Tanto Blues, squarci di Soul e R’n’B, soprattutto una bella personalità interpretativa e un pianismo a tratti scintillante (per tacere d’una chitarra maestosa).

Grafica Divina

Sono questi gli ingredienti principali del nuovo album del Georgiano (Georgia degli States, ovviamente) Kenny Brawner: un cantante, pianista e compositore già molto noto  nelle sue band Raw Sugar e Brawner Brothers, ma anche grazie alla partecipazione da protagonista in spettacoli di successo e qualità dedicati a Charles Aznavour e Ray Charles. Con “Cross Water Blues” l’artista si misura però da solista, con la collaborazione – alla succitata chitarra, ma anche come coautore ed arrangiatore – di Luca Tozzi, che appunto specie con la seicorde spesso gli regala mirabilie.

E malgrado qualche strizzatina d’occhio al mainstream che comporta in tracklist un paio di passaggi troppo levigati o prevedibili, il risultato d’insieme è non solo gradevole ma anche di gusto; in buona sostanza di Blues corretto, con testi semplici – forse un po’ monotematici, a parte sul finale del CD… – e diverse sfiziosità compositive, strumentali e vocali.

È soltanto a metà strada, in ogni caso, che l’album di Brawner incede troppo nell’ovvio: fra i vaghi afflati gospel di “Meet Me In The Alley” (brano ben risolto solo a metà), l’autobiografismo banalotto di “Waiting For Some Good”, l’intuizione un po’ sprecata di “Open Door Policy” e l’appena spiritosa, sul sesso, “I’m Not Buyin’”. 

L’abbrivio dell’album è invece smagliante grazie al Blues graffiato e rude “I Never Thought”, di suoni e voce notevoli ed eleganza non retorica dell’arrangiamento; e anche l’addio a una vita vissuta sino in fondo di “Goin’ Down Slow” (unica cover accanto a dieci originali) affianca a un’interpretazione di ottimo livello tantissime, stuzzicanti screziature strumentali.

L’apice effettivo del CD è però sul finire: anzitutto con la maiuscola, intensa ballad (approfondita coloristicamente dagli ottoni) “Burned Again”; e poi col crescendo del trittico di chiusura. Aperto dalla splendida, elegante, jazzata “Love Pain” e concluso con la simpatica e retrò “Never Had A Love Like Yours”, dai bei colori melodici.

E fra gli ultimi due pezzi citati, ecco anche il gioiello: persin inatteso, visto che nel resto del CD si parla sempre e solo (o quasi) d’amore. Perché “It’s A Shame”, ovvero “È una vergogna”, è scura, incalzante, sferzante canzone politica: che apparenta Trump a un clown e si scaglia contro la mancanza di rispetto -per gli altri e per gli ultimi- d’una classe dirigente dell’oggi priva di valori, e in ogni parte del mondo fondamentalmente disonesta.

Qui Brawner dà il meglio di sé anche come autore in un testo senza paura, ben coadiuvato nella composizione da Tozzi fino a regalarci un brano da ricordare e divulgare, con splendido refrain-invettiva teso e sincopato.
Tanto che, se qualcuno ci dicesse di trovare comunque pleonastico questo suo viaggio pur garbato e colmo di guizzi in musica comunque radicata nel passato, beh, crediamo che basterebbe questa “It’s A Shame”, abbinata magari a “Burned Again” e “Love Pain”, a convincere questo qualcuno che vale la pena, comunque, dar credito alla riuscita sfida solista d’autore di Kenny Brawner. Dietro l’apparenza, c’è anche di più.

Articolo di: Andrea Pedrinelli

Da ascoltare/guardare: “Burned Again”
https://www.youtube.com/watch?v=j-5ZBmePIz8&list=PLj1Kou7r-6N5JEuWEFXSsV0MEhhY77QPy

Articolo precedenteBoomdabash e Alessandra Amoroso fenomeno Karaoke
Articolo successivoSilvio Capeccia dal 4 settembre “Vivo da re”
Andrea Pedrinelli
Critico musicale e teatrale, è giornalista dal 1991 e attualmente collabora con Avvenire, Musica Jazz, Scarp de’ tenis, Vinile. Crea format tv e d’incontro-spettacolo, conduce serate culturali, a livello editoriale ha scritto importanti saggi fra cui quelli su Enzo Jannacci, Giorgio Gaber (di cui è il massimo studioso esistente), Claudio Baglioni, Ron, Renato Zero, Vasco Rossi, Susanna Parigi. Ha collaborato con i Pooh, Ezio Bosso, Roberto Cacciapaglia e di recente ha edito anche Canzoni da leggere, da una sua rubrica di prima pagina su Avvenire dedicata alla storia della canzone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.