Home Libri Dal 4 maggio in libreria INSPERATI INCONTRI di SILVIO...

Dal 4 maggio in libreria INSPERATI INCONTRI di SILVIO PERRELLA

Un libro polifonico difficile da definire, affascinante da leggere.

Un saggio-viaggio personale che fa dialogare i grandi classici del passato con quelli del presente: una collezione d’insperati incontri.

Grafica Divina

Dalla A di Avalle alla Z di Zanzotto: un viaggio nell’alfabeto incarnato in persone; una collezione d’incontri che prendono la forma del dialogo reale o immaginario, del racconto, del ritratto, del viaggio. Appaiono così Vico Basile e Leopardi, insieme agli scrittori e poeti del Novecento, e ai pittori e agli attori e ai registi e ai preti e ai reporter e alle città (soprattutto l’amata Napoli). Un caleidoscopio di suoni dove la voce altrui si mescola a quella dell’autore.

All’inizio la scena è vuota. Nessuna speranza che gli incontri avvengano. Né uno né tanti. Sono ancora piuttosto giovane. Ho vissuto in città diverse. Sono nato in una e sono stato portato in altre. I primi incontri, quelli con i familiari e poi con gli amici, sono avvenuti nella naturalezza dell’inizio. Poi quell’inizio si è frantumato. Ci sono state nostalgie e sogni di ricomposizione. Ma, come si dice, il dado era tratto. È iniziato il lavoro del linguaggio. La scena non è stata più vuota. Di volta in volta sono arrivate persone e con loro parole e gesti e intonazioni. E ho capito che mi piaceva ascoltare la parola altrui; e che anzi quella parola spesso facevo in modo che venisse, la stimolavo ponendo domande. La “nessuna speranza” iniziale si è trasformata in una collezione d’incontri insperati. Ne è nato questo libro. E se doveste chiedermi che statuto abbia, non saprei rispondervi. Ci sono le voci degli interlocutori e c’è la mia voce. È un’opera composita e polifonica; e s’affida alla sequenza alfabetica per fare ordine. Da A a Z, come se A e Z (e tutte le altre lettere) fossero anch’esse persone personaggi parole con un corpo.
Silvio Perrella è nato a Palermo nel 1959. Da molti anni vive a Napoli e la città compare spesso nei suoi libri. È autore fra l’altro di Doppio scatto (Bompiani, 2015), Fino a Salgareda (Neri Pozza, 2015), Calvino (Laterza, 1999). Ha curato, oltre ai libri di molti altri autori, il “Meridiano” Mondadori dedicato a Raffaele La Capria. Firma da anni su “Il Mattino” la rubrica settimanale Il divano. Collabora con il programma Fahrenheit su Radio3.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.