Home Libri Marco Martinelli Aristofane a Scampia

Marco Martinelli Aristofane a Scampia

Ponte alle Grazie inaugura il suo programma editoriale autunnale con un libro importante ed entusiasmante: Marco Martinelli, uomo di teatro apprezzatissimo (da Saviano a Gifuni, da Fofi a Polini, da Lagioia a Belpoliti), attraverso l’esperienza del Teatro delle Albe e quella della “non scuola”, racconta in Aristofane a Scampia come si possono strofinare insieme e far “far scintille” adolescenti da un lato, e grandi classici del teatro dall’altro: un libro che racconta il potenzialità immense del teatro, quando ha il coraggio di incontrare i giovani e le periferie dell’Impero. Venite a Sarzana (Festival della Mente, 4 settembre) e a Mantova (Festivaletteratura, 9-10 settembre) a vedere Marco all’opera!\r\n\r\n \r\n\r\nAUTORE OSPITE AL FESTIVAL DELLA MENTE\r\n\r\n2-4 settembre 2016\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nMarco Martinelli\r\n\r\nin occasione del lancio di Aristofane a Scampia (Ponte alle Grazie)\r\n\r\nAUTORE A SARZANA disponibile per interviste\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nEvento 37, domenica ore 21,00, Campus I.I.S: Perentuccelli-Arzelà\r\n\r\nhttps://www.festivaldellamente.it/it/?p=7059\r\n\r\n \r\n\r\nAUTORE OSPITE AL FESTIVALETTERATURA\r\n\r\n7-11 settembre 2016\r\n\r\n \r\n\r\nMarco Martinelli\r\n\r\nautore di Aristofane a Scampia (Ponte alle Grazie)\r\n\r\nNOVITA’ IN USCITA\r\n\r\nAUTORE A MANTOVA disponibile per interviste\r\n\r\n \r\n\r\nvenerdì 9 settembre alle ore 15,00\r\n\r\ncon Magdalena Barile\r\n\r\npresso Sagrestia di San Barnaba\r\n\r\n \r\n\r\nsabato 10 settembre alle ore 10,00\r\n\r\nCentro Culturale Contardo Ferrini\r\n\r\nLaboratorio di Non-scuola\r\n\r\nCome far amare i classici agli adolescenti senza passare da scuola\r\n\r\nPonte alle Grazie\r\n\r\n \r\n\r\nIL LIBRO\r\n\r\nImmaginateveli, si, i vostri figli o alunni come se fossero degli asinelli, perché asini lo sono davvero – so bene che su questo punto siete d’accordo con me – ma immaginateli come asini turbolenti, pieni di paure e ombre, ma anche di desideri inconfessati, di passioni inespresse, affamati di vita, di ignoto, di sogni. Spesso a voi insegnanti e genitori nascondono questi sogni, se li tengono per loro, vi si rifugiano dentro come le talpe nelle loro gallerie sotterranee: è la loro tattica di sopravvivenza, non si palesano mai o quasi mai davanti ai vostri occhi come realmente sono. Dall’altra parte immaginate i testi antichi del teatro, i classici polverosi dai nomi impronunciabili: da Eschilo all’Aristofane che campeggia nel titolo di questo libro, da Plauto a Moliere a Shakespeare, fino ad Alfred Jarry, fino a Bertolt Brecht. Guardateli insieme, gli asini e i classici, i barbari e la biblioteca: niente di più lontano, dite voi? Avete ragione: un adolescente di oggi conosce tutti i tipi di iPhone, e sa smanettare su ogni\r\n\r\ntastiera elettronica, casomai si diverte a un concerto rock o navigando per ore in rete o guardando il calcio in televisione; che hanno a che fare con lui quei busti da museo, quelle barbe intimorenti e quella noia annunciata? Nulla. Gli asinelli e i classici sono legni che appartengono ad alberi lontanissimi tra loro, ai confini opposti della foresta, destinati a non incontrarsi. Ma se qualcuno fosse in grado di avvicinarli? Se avvicinandoli scoprisse che si possono sfregare insieme, fino a raggiungere una temperatura altissima, fino a far nascere, da quello sfregamento, una scintilla? Il miracolo del fuoco? Non e possibile, pensate voi. E possibile, vi rispondo io. E lo sto sperimentando da venticinque anni, questo sfregamento. Nel libro proverò a raccontarvelo.\r\n\r\nMarco Martinelli\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nL’AUTORE\r\n\r\nMarco Martinelli, nato a Ravenna, è tra i maggiori registi e drammaturghi del teatro italiano. Il ruolo che meglio lo descrive è quello di capo comico: le sue opere infatti – testi e spettacoli – nascono dall’interazione e dal rapporto di vicinanza con gli attori del Teatro delle Albe, fondato nel 1983 insieme a Ermanna Montanari, Luigi Dadina e Marcella Nonni. Venticinque anni fa , quasi per caso, ha dato vita alla Non scuola, un laboratorio teatrale per mettere in contatto i grandi classici del teatro con gli adolescenti e viceversa. In lui e nel teatro delle Albe, Claudio Meldolesi ha visto «un collettivo di irriducibili individualità»; mentre l’esperienza di “meticciato teatrale” tra attori italiani e senegalesi (da anni componente stabile della compagnia) è stata definita da Franco Quadri come «l’ultima riprova che la fabbrica del teatro africano è in Europa, come già ci avevano ammonito Genet e Brook». Ha vinto numerosi premi per i testi, la regia e il progetto Non scuola, che è stato vincitore del premio Ubu. Martinelli ha inoltre pubblicato scritti e articoli su numerose riviste: Lo Straniero, doppiozero.com, Vita.\r\n\r\n \r\n\r\nHANNO DETTO DI LUI:\r\n\r\nIl lavoro del Teatro delle Albe si apre a un’idea di comunità che attinge alle origini del teatro in Occidente. Una comunità in cui i più giovani sono chiamati a partecipare in prima persona, attraverso una non-scuola di formazione permanente alla vita e all’arte. Ma il lavoro di questa Compagnia straordinaria è prima di tutto un inno alla vita e alla luce!\r\n\r\nSonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni\r\n\r\nLa Non scuola a Napoli era il teatro vero, non un saggio di scuola, mi ha fatto sentire la gioia. Martinelli mi fa sentire che le lezioni di Danilo Dolci, Lorenzo Milani e Gianni Rodari servono ancora. Lui è uno di quei buoni maestri che possono cambiare la vita di un adolescente, come raccontava Pasolini.\r\n\r\nMarco Paolini\r\n\r\nMarco Martinelli è un regista abilissimo e geniale che riesce ad essere fedele al testo e a tradirlo come solo le rappresentazioni teatrali ben riuscite riescono a fare. Roberto Saviano\r\n\r\nSul piano pedagogico e sociale l’impresa delle Albe è di eccezionale rilievo ed esemplarità. E io sono convinto che lo è anche sul piano artistico.\r\n\r\nGoffredo Fofi\r\n\r\nUn modello di fare cultura (e teatro) che ha funzionato e funziona ancora molto bene.\r\n\r\nNicola Lagioia\r\n\r\nLa Non-scuola, una pratica teatral-pedagogica coltivata dal Teatro delle Albe fin dal 1991, che privilegia l’energia e la forza fisica della parola incarnata da una moltitudine di corpi, coro anarchico di bambini pieni di grazia e adolescenti sgraziati in bilico tra l’età dell’oro e l’età del grigio.\r\n\r\nCorriere della Sera

Grafica Divina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.